A Guerr Pe' Sord Testo

Testo A Guerr Pe' Sord

Despacito da record: è la canzone più ascoltata di sempre
Strofa 1 (Castì):

Uè guagliò! Sta na guerr l'affor,
arò sann vist e vutà a facc e meglie frat e sor.
A chesti storie stong a for,
arò è facile che pierd o cor.
Arò s'astipen ancor
e suonn e chi s'accuntentass e campà pur sol mezz'or
e mezz'or spenness po tutt'e suonn:
chi pe magnà fa na guerr ogni juorn!
Maro' se sent fin e cca
l'addor ro bisogn ca a cierti guagliun e miez a vi pe le fa campà,
e port a rò nunn'anna maje i
ngopp a chelli vije ca a pe llor n'hann maije piglià.
Guagliò pe chesta ser mo nun gli a rubbà,
lascie e sterie rint e machine almen chesta ser.
E' o ver chest nunn'er a vit astipat pe chi sta già 'nterr.
E pe chi sta 'nterr vann e storie che cont,
crer in ta speranz pe na mamm ch'e' pront
a purtà annanz na famiglia senz o marit cu nu figli in ta na stanz.
Senz che faije!
E a me che me rimman
nun sacce a rò aggia mettere man
meglio ca n'aspett diman,
si chell ca vuless è sul chellu poc pe sta buon
a me e cumpagn mi, e pur a lor pe fa sta buon.

Ritornello (Castì):

Quanti storie e merd s'hann vist e fà
e quanti cap l'affor aspettane pe campà.
Guagliun ca nun sann arò anna i a faticà
e stann 'nmiez a na vije, ittat là.
Quanti cose ancor vulessene verè,
cumpagn ca se perd po poc che po stà nu cafè ...
Storie e merd che vec ogni jiuorn.
Na guerr pe sord pe mez re sord.

Strofa 2 (Paura):

Ti dico che lo so da una vita oramai
che è molta bassa la percentuale di cose che coi soldi non fai.
Ti mentirei spudoratamente dicendoti che non ne vorrei almeno a fiumi.
E se tu mi reputi intelligente sai che tra questa gente oramai
sei considerato un nullafacente se non hai almeno un conto
in banca con tanti contanti.
"E' un mondo difficile. Felicità a momenti e vita incerta" io vigile su quello che ho,
perché ogni giorno
è incredibile il numero di uomini che farebbero di tutto per fottere me o il prossimo.
Non resta che diventare più rabbini degli altri, più scaltri,
rubare perfino le caramelle ai bambini.
Dici che sono cinico ma il caso è clinico, credimi,
Non basta applicarsi al minimo per restare in bilico, vedimi.
Questo è tutto quello che posso dirti lo so,
ma la fuori non è rose e fiori è il manicomio.
Per questi dannati soldi elicotteri in cielo e carrarmati in terra.
Noi divorati da questa fottuta guerra.

Ritornello (Castì):

Quanti storie e merd s'hann vist e fà
e quanti cap l'affor aspettane pe campà.
Guagliun ca nun sann arò anna i a faticà
e stann 'nmiez a na vije, ittat là.
Quanti cose ancor vulessene verè,
cumpagn ca se perd po poc che po stà nu cafè ...
Storie e merd che vec ogni jiuorn.
Na guerr pe sord pe mez re sord.

Strofa 3 (Ekspo):

Voglie vere nu poc e tre primm e fa a fin d'e trac,
si er pe mme gia stev or a fa e pacc cu e giacche cu e pacc int a l'acque!
Senza pensiere,
ammacchiat aret a na cravatt e nu sorris fint pecchè chist e o mestiere.
Ma invece menà a gent a rint agge ncapat c'o rap,
agge campat p'ò rap, ancora cant ma nun camp co rap!
Cca sta o sbaglie, dice ze chiatt ca nun se stenn a tuvaglie,
ma nuie nun tenimm manc e bicchiere!
P' o mument e compliment chiavatill nfaccia,
arap o portafoglie e po parlam e chi è ca spacc o ver.
Putesseme sta nu pc meglie...
Si, ma o problem so' taccagne accatune, menare tutte manere.
A gent fa l' hardcore, e ten a babbo ca l' apar o cul
allucchene so tuost a fore ma a rint so' chiattille.
E llor o ssann ca nun ce sta nu future,
pecchè o rap miez o pane nun ne tene e sapore!
Copia testo
  • Guarda il video di "A Guerr Pe' Sord"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più