Carcere Testo

Testo Carcere

Stongo acussì
e prego 'a madonna,
nun sputo 'ncielo
ca 'nfaccia me torna.
Pure sì canto
na storia over'
o sto sbaglianno
o nisciuno me crede,
dico accussì pè nu muorto acciso,
piglio trent'anne e nun pozzo campà!

Chillo era 'o peggio
d''o quartiere
sfruttava 'a gente
dint''a miseria,
vuttava 'e guagliune
a ffà scippi e rapine
e pure a vennere
l'eroina,
dicette a me stesso:
"Sì saje campà
ccà coccosa
s'adda fà".

Viero era friddo
era sabato 'e ssera
stevo parlanno
cu donna Carmela
ma all'antrasatta
arriva 'o 'nfamone
ca nun vulette sentì ragione:
sbattette 'a porta
e pigliaje 'o curtiello
e a donna Carmela
stracciaje 'a gunnella.

Nun dico 'o schifo
ca me facette
restaje fore 'a porta
e nun me ne jette
e quanno 'o schifuso
fernette 'o servizio
m'appriparaje
pè ce fa levà 'o vizio:
pigliaje 'a catena 'e nu motorino
e m'assettaje llà vicino
e quanno 'o 'nfamone ascette d''a porta
tenette 'o piacere e ce presentà 'a morte!

Nun dicite niente,
aggio sbagliato
je sto 'n'galera
e llà ce sta n'ato
ca dint''a miseria
fa 'o sciacallo
e niente le diceno
'e marescialli.
Marescialli e guapparia
fanno na sola cunsultarìa
e chi paga 'o debito c''a miseria
o more acciso o va 'n'galera!

Stongo acussì
e prego 'a madonna,
nun sputo 'ncielo
ca 'nfaccia me torna.
Pure sì canto
na storia over'
o sto sbaglianno
o nisciuno me crede...

Giudice, giudice
c'hai cumbinato?
Assolto 'o figlio
'e nu magistrato
ca pè gelusia ha sparato
e pure a uno l'ha accuppato:
'a sentenza mo è cagnata
e 'a cundanna nun è arrivata
e a me trent'anne m'ate dato!
Copia testo
  • Guarda il video di "Carcere"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più