Lo Spazzolino Testo

Testo Lo Spazzolino

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Lo Spazzolino"
Lo senti il polso, sì?
L'aria intorno garantisce l'esistenza
anche se cerchi
di alimentare il fuoco per bruciarmi tutto l'ossigeno.
Sistemati i pantaloni e
stringi forte la cintura al punto giusto che
ci saranno tempi duri
e vacche magre per te.
Ti ci vedevi a scartarmi ansimante,
mi ci vedevi a leccare il tuo seme,
temendo già che lasciassi lo spazzolino da te.
Ripesco la saliva
che mi hai sputato in bocca, ci farò del fango,
unguento per gli occhi,
così da leggere dei tuoi successi,
cieca non più.
Con un colpo di tosse
sparisci dal mio organismo.
Vortice di verde, inietto bile nelle vene
e brindo, brindo alla vita.
Ti ci vedevi a scartarmi ansimante,
mi ci vedevi a leccare il tuo seme,
temendo già che lasciassi lo spazzolino da te,
temendo già che lasciassi lo spazzolino da te,
temendo già che vendessi la tua piantina del tè.
  • Guarda il video di "Lo Spazzolino"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.