Canto Nomade Per Un Prigioniero Politico Testo

Testo Canto Nomade Per Un Prigioniero Politico

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Canto Nomade Per Un Prigioniero Politico"
(musica: V. Nocenzi / testo: F. Di Giacomo, V. Nocenzi)
In questi giorni è certo autunno giù da noi

dolce Marta, Marta mia
ricordo il fieno e i tuoi cavalli di Normandia,

eravamo liberi, liberi.


Sul muro immagini grondanti umidità,

macchie senza libertà,
ascolta Marta, in questo strano autunno

i tuoi cavalli gridano, urlano incatenati ormai
cosa dire, soffocare, chiuso qui perché...

prigioniero per l'idea, la mia idea perché.


Lontano è la strada che ho scelto per me

dove tutto è degno di attenzione perché vive, perché è vero, vive il vero.

Almeno tu che puoi fuggi via canto nomade
questa cella è piena della mia disperazione, tu che puoi non farti prendere.


Voi condannate per comodità, ma la mia idea già vi assalta.
Voi martoriate le mie sole carni, ma il mio cervello vive ancora... ancora.


Lamenti di chitarre sospettate a torto,

sospirate piano,

e voi donne dallo sguardo altero
bocche come melograno, non piangete

perché io sono nato, nato libero,

libero.
Non sprecate per me una messa da requiem,

io sono nato libero.
  • Guarda il video di "Canto Nomade Per Un Prigioniero Politico"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.