L'evoluzione Testo

Testo L'evoluzione

(musica: V. Nocenzi / testo: F. Di Giacomo, V. Nocenzi)
Prova, prova a pensare un po' diverso

niente da grandi dei fu fabbricato

ma il creato s'è creato da sé

cellule fibre energia e calore.

Ruota dentro una nube la terra

gonfia al caldo tende le membra.

Ah la madre è pronta partorirà

già inarca il grembo

vuole un figlio e lo avrà

figlio di terra e di elettricità.

Strati grigi di lava e di corallo

cieli umidi e senza colori

ecco il mondo sta respirando

muschi e licheni verdi spugne di terra

fanno da serra al germoglio che verrà.



Informi esseri il mare vomita

sospinti a cumuli su spiagge putride

i branchi torbidi la terra ospita

strisciando salgono sui loro simili

e il tempo cambierà i corpi flaccidi

in forme utili a sopravvivere.

Un sole misero il verde stempera

tra felci giovani di spore cariche

e suoni liberi in cerchio muovono

spirali acustiche nell'aria vergine.

Ed io che stupido ancora a credere

a chi mi dice che la carne è polvere.



E se nel fossile di un cranio atavico

riscopro forme che a me somigliano

allora Adamo non può più esistere

e sette giorni soli son pochi per creare

e ora ditemi se la mia genesi

fu d'altri uomini o di quadrumani.



Adamo è morto ormai e la mia genesi

non è di uomini ma di quadrumani.



Alto, arabescando un alcione

stride sulle ginestre e sul mare

ora il sole sa chi riscaldare.
Copia testo
  • Guarda il video di "L'evoluzione"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più