L'uomo Aquila Testo

Testo L'uomo Aquila

Despacito da record: è la canzone più ascoltata di sempre
(B. Montecucco)

Davanti a me campi di grano s'intrecciano
E mossi dal vento respirano
Ma percepisco presenze intorno a me.
Inizia qui il più ricorrente degli incubi
Nasce da istinti repressi che tornano a galla nell'onirica realtà.
Ali nere aprirà e i suoi occhi porpora su di me scaglierà
Come un fulmine cadrà!

Rit:
Mi sorprende nella notte e con l'artiglio stringe forte
E vola già, l'uomo aquila...
Io che scappo, lui che corre si confonde tra le rocce
E se ne va, l'uomo aquila.

Lui vuole me ed entra così nella mia fase rem
E niente lo ferma nel credere che
Un sogno non possa dividere anime.
Ali nere aprirà e il suo viso apparirà
Tra illusione e realtà, non mi avrà, non mi avrà!

Rit:
Mi sorprende nella notte e con l'artiglio stringe forte
E vola già, l'uomo aquila...
Io che scappo, lui che corre si confonde tra le rocce
E se ne va, l'uomo aquila.

Ali immobili e distese..
Vola a bassa quota, ma la sua preda cambierà!

Rit:
Mi sorprende nella notte e con l'artiglio stringe forte
E vola già, l'uomo aquila...
Io che scappo, lui che corre si confonde tra le rocce
E se ne va, l'uomo aquila.

Finisce qui il più ricorrente degli incubi
Un'altra notte da brividi
Un'altra notte con l'uomo aquila.
Copia testo
  • Guarda il video di "L'uomo Aquila"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più