Tristi Giorni Testo

Testo Tristi Giorni

Tristi giorni, la luce è una spia
caduta ostaggio
di respiri scavati in un'eternità di cenere.

Ma il sangue è vivo e scuote i piedi
e non sarà un mare che lo fermerà.
Ancora vivo, ancora in piedi,
no non sarà il male che mi fermerà!

Tristi giorni, avrai cura di me
tra Stige e fiamme?
Dall'abisso agitato dell'eternità, nessuno va via.

Ma il sangue è vivo e scuote i piedi
e non sarà un mare che lo fermerà.
Ancora vivo, ancora in piedi, no non sarà il male che mi fermerà.
Copia testo
  • Guarda il video di "Tristi Giorni"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più