Tristi Giorni Testo

Testo Tristi Giorni

Tristi giorni, la luce è una spia
caduta ostaggio
di respiri scavati in un'eternità di cenere.

Ma il sangue è vivo e scuote i piedi
e non sarà un mare che lo fermerà.
Ancora vivo, ancora in piedi,
no non sarà il male che mi fermerà!

Tristi giorni, avrai cura di me
tra Stige e fiamme?
Dall'abisso agitato dell'eternità, nessuno va via.

Ma il sangue è vivo e scuote i piedi
e non sarà un mare che lo fermerà.
Ancora vivo, ancora in piedi, no non sarà il male che mi fermerà.
Copia testo
  • Guarda il video di "Tristi Giorni"
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui