Folkstudio Testo

Testo Folkstudio

E poi del resto la gente nei bar
vuole battere i piedi,
e scaldarsi di fiati e risate...
col freddo che c'è
e la musica è carta da zucchero
in mani bruciate
a scandirsi un bel tempo di vita
che vita non è
Ed è chiaro che i giorni che passano
lasciano il segno
nelle tasche nei pugni nei sogni
negli occhi che ho.
poi m'incanto, mi fermo e magari
m'invento un disegno
carta verde, lontana, gonfiata
da un vento del sud
E' lontano quel fiato di mare
e sei lontano anche tu
e non è proprio questione d'amore
è qualcosa di più.
E' qualcosa che rompe le tasche
senza fare din din
una musica sciocca che esce
da un bel telefilm
respirare nel cielo del mondo
e non poterlo toccare
l'allegria è un pallone rotondo
che non sa dove andare
E del resto la gente alla fine
vuole muovere i piedi
e scalare montagne davvero
più alte di te
che rimani col fiato di vino
a soffiare vetrate
la tua musica un soldo di zucchero
che aspetta un caffé
C'è di nuovo la luna nel cielo
forse è la TV
non è proprio questione d'amore
è qualcosa di più.
Copia testo
  • Guarda il video di "Folkstudio"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più