Il Mio Esser Buono Testo

Testo Il Mio Esser Buono

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
Lo sento perché esplode in faccia,
in fondo è tutto quel che chiedo,
restare fermo immobile, provare a dare un nome
ad ogni mio pensiero.
Il desiderio di un infanzia
risolto in un bicchiere tra le mani,
se solo più paure è anche più facile non scegliere
e aspettar domani.

Verrà a trovarmi un grande caldo
sarà un bastardo e poi un inutile parlare.
Mi coprirò di lana come di ottime intenzioni
e ti starò ad aspettare.
E l'aria sospira all'erba un se…

C'è ancora odore di mattina,
e il sole che fa quel che può per darmi torto.
Non ci sarebbe sguardo a darmi pace,
adesso vado, ma aspetta che ritorno.
La porta che si chiude dietro un mondo
le ore adesso stupido, le sento addosso.
Cammino e ricammino e poi cammino ancora
senza che ci sia un rimborso.

Mi aspetterò quel gran regalo
e ad un albero un po' spoglio chiederò perdono.
Pisciargli contro tutto quello che riuscirò a bere,
è questo il mio esser buono.

E l'aria sospira all'erba un se…
E noi con le mani nelle mani...
E ho l'impressione che quel se
sia il non volerti mai più lasciare.

Se il tempo è solo un bel sostare
dell'abito di un veterano il fiore all'occhio
continuerò a non chiedermi dov'è questa paura
mentre non ho sonno.

Saluterò le briciole e i divani,
le voci attorno ai gemiti rubati al cuore,
di tutte le stagioni andate tra sorrisi e lune
e sarò io il padrone.
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.