A Regina D''e Città Testo

Testo A Regina D''e Città

Canto napulitano a che so' nato,
'e Napule so' tropp''nnammurat'
nunn'è sultanto pizza e mandulino
fatte'na cammenata a margellina
Je 'nce so' stato e nun m''a
scordo cchiù,
'o sole, 'a luna e chillu mare blu
tutte 'e segrete 'e chilli viche astritte
addò stannne scetate pure 'a notte.
Ma comme è bella Napule,
'ncopp'e quartiere o' vommero
saglienne pe' pusilleco
guardate sta città
'A sape tutt'o munno
'a truove ind'è ccanzone
e chi è napulitano
si parte torna ccà
So tropp' belle pur'e guaglione napulitne
si s'annammorano overamente te ranno 'o core
e io ca so' nato mille chilometre luntano
pure rimane venesse a vivere pproprje ccà
Ma comme è bella Napule,
è 'A Regina De' Città.
Je spero e venì a Napule a cantà,
voglio sentì 'o calore 'e chesta gente
'o ssaccie ca si vogl' fa' 'o cantant'
sta scelta primma o rpp' ll'aggia fa.

Ma comme è bella Napule, 'ncopp'e quartiere o' vommero saglienne pe' pusilleco guardate sta città 'A sape tutt'o munno 'a truove ind'è ccanzone e chi è napulitano si parte torna ccà So tropp' belle pur'e guaglione napulitne si s'annammorano overamente te ranno 'o core e io ca so' nato mille chilometre luntano pure rimane venesse a vivere pproprje ccà Ma comme è bella Napule, è 'A Regina De' Città.
Copia testo
  • Guarda il video di "A Regina D''e Città"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più