Ameri (Gli amori) Testo

Testo Ameri (Gli amori)

La classifica delle canzoni più trasmesse
Accesa, spenta fra i radiogiornali, l'auricolare perso in tre canali. Son loro che ci aiutano a non sentirci soli, ma un uomo li comanda, e lo chiamiamo Ameri.

Grazie, Ameri. Vai Ameri, con il coraggio e la paura di sentirti bene. Ameri in forma, ameri in sintonia. Ciotti ti sgrida (parli sempre tu), e gli altri a dirgli: "Cosa vuoi che sia?''.

Grazie, Ameri. Vai, Ameri; descrivi in sintesi che cosa avviene a centrocampo. Sivori al limite dell'area, buon disimpegno e Cuccureddu va, ma ecco Albertosi che lo caccia via. Immagina una rete di pescatori, una rimessa d'auto e tanti bei rigori che gli arbitri decretano per falli non di gomma, e infatti li rilevano:ve n'e' una vasta gamma.

Vai, Ameri. Grazie, Ameri; ci fosse ancora Bortoluzzi in onda come ieri ci abbracceremmo, e canteremmo in cor la canzoncina "Buonasera dottor'' che tramandocci quella brava cantante e madre esemplare Claudia Mori. E Ghezzi Dori, che un di' cantava il kasaciof destando dissapori. La gente intorno grida: "Evviva Wess!'' ``Due corpi e un'anima'' fu il suo success, ma dopo lo hanno ostacolato perche' era un negro,,. Non che sia poco bravo Provenzali, ma per quest'oggi, Ameri, parla tu.

Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.