Plafone Testo

Testo Plafone

Sanremo 2016, i favoriti sono Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
Forse non tutti sanno quanto è piacevole
Sotto la doccia inventare una melodia
Che sale su, ancora più su
Semplice? No.
Perché quelle facili le san cantare tutti
Sotto una panaché d'idrogeno e ossigeno
Libera di salire più in alto se mi va
Vedo lassù che non c'è quel bel getto d'acqua
Forse chiamerò l'idraulico
Perché scopro che dei forellini si sono otturati
Per colpa di un calcare malefico
Duemila spruzzi pazzarielli divergono
Un rivolo qua
Un'onda anomala
E ora però
Mi sembra saggio con lo straccio dare una passata rapida

E qui sotto da me
C'è già una macchia sul plafone
Che l'ho pagato due milioni delle vecchie lire
Ma nella prossima assemblea di condominio
Io farò valere tutti i miei millesimi
E si vedrà allora chi è
Il vicino di casa
Che è bravo buono e tutto
Ma quando si arrabbia
Sono dolori
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.