Le Vie Del Folk Testo

Testo Le Vie Del Folk

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Le Vie Del Folk"
Ci Lasceremo La Pioggia Alle Spalle
La Pioggia Di Un Posto Qualunque Del Nord
E Scenderemo All'inferno
Cuore Profondo Del Sud
Io Sono Il Figlio Viaggiatore
Nato Da Un Padre Che Guidava I Treni
E So Che Un Ritorno È Sempre
Una Strada Da Ritrovare
La Bancarella Di Cianfrusaglie Da Dove
Raccogliere Un Souvenir
Pegno D'amore Alle Nostre
Moltissime Promesse Spose
Senza Le Quali Non Si Sa Fare
Ma Questa Sera C'è Da Partire
Per Ritrovare Per Inseguire
La Via Del Folk.
Sono Dolcissime Sono Infinite
Le Vie Del Folk
Sono Santissime E Maledette
Le Vie Del Folk
Sono Il Battere Ed Il Levare,
La Ninna Nanna Che Fa Sognare
Senza Cuscini, E Tra Le Coperte
Vecchie Canzoni
Senza Lenzuola Ma Nella Testa
Nuove Canzoni.
E Stanno Scritte Su Certe Cartine
Con Dentro Pochissima Geografia
Che Incendieremo Per Un Tiro Di Fantasia
Mischiando I Sonagli Del Sud d'Italia
Alle Fisarmoniche d'Albania
Le Cornamuse Con Le Pizziche
Della Grecia.
Sono Dolcissime Sono Infinite
Le Vie Del Folk
Sono Santissime E Maledette
Le Vie Del Folk
Sono Un Binario Che Perde Il Treno
La Carovana Per Nessun Dove
Viaggi Leggero Ma Nelle Tasche
Vecchie Canzoni
Senza Valige Ma Nella Testa
Nuove Canzoni.
  • Guarda il video di "Le Vie Del Folk"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.