Capatàz Testo

Testo Capatàz

Sanremo 2016, i favoriti sono Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
Non siamo nati mica ieri Capataz,
non siamo nati mica ieri,
non siamo mica prigionieri dentro la stella di questa bella modernità.
Non siamo nati mica per morire qua.
Se provi a aprire la finestra Capataz,
e coi tuoi occhi guardi fuori,
quante persone che non contano
e invece contano e ci stanno contando già,
stanno soltando aspettando un segno, Capataz.
Questo vecchio segno, quando cambia il tempo,
quando cambia il tempo arriverà.
Questo vecchio legno, quando si alza il vento,
quando si alza il vento navigherà.
Non siamo nati mica ieri, Capataz.


Se provi a entrare nella mia testa, Capataz,
e coi miei occhi guardi fuori,
quante persone e quanti cuori,
quanti colori al posto di quel grigio, quante novità.
C'è un altro tipo di futuro, Capataz.
Questo vecchio segno,
quando cambia il tempo,
quando cambia il tempo arriverà.
Questo vecchio legno,
quando si alza il vento,
quando si alza il vento navigherà.
C'è un altro tipo di futuro, Capataz

Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.