I Matti Testo

Testo I Matti

I matti vanno contenti,
tra il campo e la ferrovia.
A caccia di grilli e serpenti,
a caccia di grilli e serpenti.
I matti vanno contenti
a guinzaglio della pazzia,
a caccia di grilli e serpenti,
tra il campo e la ferrovia.
I matti non hanno più niente,intorno a loro più nessuna città,
anche se strillano chi li sente,
anche se strillano che fa.
I matti vanno contenti,
sull'orlo della normalità,
come stelle cadenti,
nel mare della Tranquillità.
Trasportando grosse buste di plastica del peso totale del cuore,
piene di spazzatura e di silenzio,
piene di freddo e rumore.
I matti non hanno il cuore
o se ce l'hanno è sprecato,
è una caverna tutta nera.
I matti ancora lì a pensare a un treno mai arrivato
e a una moglie portata via da chissà quale bufera.
I matti senza la patente per camminare,
i matti tutta la vita, dentro la notte,
chiusi a chiave.
I matti vanno contenti,
fermano il traffico con la mano,
poi attraversano il mattino,
con l'aiuto di un fiasco di vino.
Si fermano lunghe ore, a riposare,
le ossa e le ali,
le ossa e le ali,
e dentro alle chiese ci vanno a fumare,
centinaia di sigarette davanti all'altare.



Copia testo
  • Guarda il video di "I Matti"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più