Marianna Al Bivio Testo

Testo Marianna Al Bivio

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
Cade pioggia, cade neve,
non ho più la mia virtù,
cosa importa quel bambino alla finestra.
Il dolore della gente
non riguarda la mia età,
chiude gli occhi e per un giorno è sempre festa.
Anna è morta e Mario non c'è più,
non hanno più parole.
Le canzoni che scrivevo non le riconosco più,
sono l'ombra di un fantasma che cammina,
ma Susanna mi dà la mano come prima.
Ho dormito troppo a lungo,
la montagna era stregata
da un poeta che suonava il pianoforte,
ho sognato le mie mani che sparivano nel buio
mentre Dio me le stringeva un pò più forte.
Quattro porte, quattro verità
e ognuno sorrideva,
e un palazzo di granito
con un uomo che gridava
e la luna che sembrava una patata.
Ma Susanna non l'ho dimenticata.
E Marianna camminava con il sole nei capelli,
aggrappata a un Paradiso di stagnola.
Ogni uomo che passava ne toccava la sorgente
ma lasciava la sua anima da sola,
e la strada divideva due esistenze parallele,
l'orizzonte ne copriva la realtà.
E Marianna non sapeva cosa fosse veramente quel diamante
che stringeva nella mano,
mentre il sole la seguiva da lontano.
Cade piogga cade neve,
chi ha guardato le mie carte
sa che forse la mia vita è già decisa.
Lilly Greco non capisce ma che Dio lo benedica,
ho un bicchiere e una bistecca e mi diverto.
Quattro porte, quattro verità e ognuno sorrideva,
e il palazzo di granito
con un uomo che gridava
e la luna che sembrava una patata.
Ma Susanna non l'ho dimenticata.

Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.