Miramare Testo

Testo Miramare

Recuperarono le reti i pescatori,
piene di spazzatura, e umiliati si ritirarono,
alla montagna dal mare,
alla montagna dal mare.
E avvicinarono la fiamma alla foresta,
fino a vederla bruciare.
Così ho visto altri uomini fare e fare segno di tacere,
fino a vederla bruciare.
Ma io sì che mi sono tuffato, in un campo di pallone,
da un palo all'altro ho volato, per afferrare un pallone.
E le ginocchia di rosso ho colorato.
E quanto al mio povero nome,
in quali alberghi l'ho lasciato,
e quante notti l'ho sentito chiamare.
Prima ancora che il vento cominciasse a soffiare,
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare.
Recuperavano le reti i pescatori
e si sentiva cantare un canto,
ma erano acqua le parole,
ed era triste quel canto.
E ritornavano dal centro della terra
ed io così ho sognato di loro,
portatori di luce ed inventori, e cercatori d'oro.
Ma io sì che mi sono lanciato,
da un punto all'altro di un amore,
più di una volta ho volato per inseguire un amore.
E le mie notti di bianco ho colorato.
E quanto al mio povero cuore,
in quali alberghi l'ho portato
e quante notti l'ho sentito gridare,
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare,
prima ancora che il vento cominciasse a soffiare.
Recuperarono le reti i pescatori, dal profondo del mare.

Copia testo
  • Guarda il video di "Miramare"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più