Reflesciasa' Testo

Testo Reflesciasa'

Si chiama KEMA'L
dalla Turchia , operaio
nei cantieri di Francia
enormi le sue mani
e durante le notti comuni
a occupare un cantiere
per salari mai dati
a me brusco , nervoso: "Errì reflechì a ça "
reflescìasà, rifletti a questo
e riunisce le dita
e le poggia alla tempia.
E io sto buono coi pugni
al suo "reflescìasà"
rifletti a questo, a casa
non so più, però il gruppo di dita
sulla tempia destra
lo so ancora.
Kemàl, bisogna avere la tua mano
da mettere sul cranio
per riflettere a un questo.
Bisogna la tua vita, la tua voce.
Nati su stesso mare
che cambia nome e onde
nessuno segue un altro, mai sulla sabbia il piede
sopra l'orma davanti.
Però ti ascolto, apro le dita
e disfo l'ira e il pugno.
Copia testo
  • Guarda il video di "Reflesciasa'"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più