Dialogo Testo

Testo Dialogo

Muore mentre torna dal concerto, Ligabue: "Ti abbraccio, ovunque tu sia"
Scarica la suoneria di Dialogo!
Guarda il video di "Dialogo"

Tu, uomo tu, dio,
padre poi ragazzo mio,
sul mio seno aggrappato,
tra un insulto e un bacio.
E donna non vuol dire pazza,
né martire che di certo viene a noia;
tu sei forte, perché sai dire "mia",
tu sei niente appena scappo via.
Apriamoci,
gridando odio per un po' d'amore,
ma almeno apriamoci,
gridando odio per un po' d'amore,
per sentirci naturali,
piú nudi, piú veri.
E donna, donna tu,
se vuoi di piúche cosa devo fare,
nelle fiabe mi ero visto re, vincitore.
Vendendo fumo, vendendo guerra,
vendevo me, vendevo la violenza,
e son rimasto senza piú poesia
a fare l'uomo,
a farti roba mia.
Abbracciami,
gridando odio per un po' d'amore,
ma adesso abbracciami,
gridando odio per un po' d'amore,
per sentirsi naturali,
piú nudi, piú veri

Scarica la suoneria di Dialogo!
Lascia un commento