Il Pastore Testo

Testo Il Pastore

Canuto il volto bastone accanto
è lui il pastore di ogni tempo il monte nuovo lo raggiungerà
e indietro non tornerà indietro
le case basse le cose ingiuste il ritmo lento del lavoro
sapori odori aromi fermati e imbalsamati
indietro i suoi dolori ignoti indietro morte e guerra
indietro il mito della terra indietro il mito della terra
e poi salire in alto dove il silenzio è favola
e liberare l'anima e liberare l'anima e liberare l'anima
lontana l'isola voci gridi togliere tutte le radici
e camminare avanti a lunghi passi falcanti
i boschi oscuri a me davanti e niente più ripensamenti
lasciare tutto quanto per rinunciare il mondo
poi sedersi su una pietra e ripensare a un'esistenza
lontana ormai la sofferenza lontana ormai la prepotenza
ed arrivare in alto dove il silenzio è favola
e liberare l'anima e liberare l'anima e liberare l'anima......
Copia testo
  • Guarda il video di "Il Pastore"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più