Canzona Appassiunata Testo

Testo Canzona Appassiunata

N'albero piccerillo aggiu piantato,
criscènnolo cu pena e cu sudore...
na ventecata giá mme ll'ha spezzato
e tutte ffronne cágnano culore...
cadute só' giá 'e frutte: e tuttuquante,


erano doce, e se só' fatte amare...
ma 'o core dice: "oje giuvinotto amante,


'e ccose amare, tiénele cchiù care..."
e amara comme si', te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí...
te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí...

era commo canario 'nnammurato,
stu core che cantaje matina e sera...
"scétate!" io dico e nun vò' stá sceta

to...
e mo, nun canta manco a primmavera!...
chi voglio bene nun mme fa felice:
forse sta 'ncielo destinato e scritto.
ma i' penzo ca nu ditto antico dice:
"nun se cummanna a 'o core". e i' mme stó'


zitto!...
e mme stó' zitto, sí...te voglio bene...


te voglio bene e tu mme faje murí..
te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí...

chiagno p'ammore, e cade 'o chianto mio


dint'a 'sta testa: 'o chianto 'a sta ar

racquanno...
schiòppa na bella rosa e i', pe' gulio,


a chi mm'ha fatto chiagnere nce 'a manno.



lle dico: "rosa mia tu mme perduone
si te scarpesarrá senza cuscienza..."
ce sta nu ditto ca mme dá ragione:
"fa' bene e scorda e si faje male penza..."


pènzace buono sí...te voglio bene...
te voglio bene e tu mme faje murí...
te voglio bene!
te voglio bene e tu mme faje murí...
Copia testo
  • Guarda il video di "Canzona Appassiunata"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più