L'avevi Capito Testo

Testo L'avevi Capito

TE VENEV A PIGLIÁ NEGLI ORARI PIÚ STRANI
MISTERIOSAMENTE POI SCOMPARIVA
TENEV SEMB STUTAT U TELEFONIN
QUANTA NUMMER CHE CAGNAV A SIMMAN
TU GIA SOSPETTAVI
LUI SI RACCONTAVA IN TANTI MODI DIVERSI
NUN DICEV A VERITÁ

RIT: TU L'AVEVI CAPITO
IL SUO GIOCO SLEALE
LUI USAVA IL TUO CUORE IL TUO AMORE
MA ERI SECOND INDA VIT
TU L'AVEVI CAPITO
U SEGUIV OGNI VOLT
CA NVENTAV NA SCUS
PO T'ACCUMPAGNAV COME UN LADRO A CASA
FUGGIVA VIA É LA TUA POESIA
ERA UNA FAVOLA SENZA FINALE
SCRITTA DA TE
RECITATA DA LUI
TU L'AVEVI CAPITO
CA NUN ER SINCER
ERA UN UOMO SPOSATO BASTARDO CATTIVO
CA NUN É VIST CCHIU

NON RICORDAVA MAI IL TUO COMPLEANNO
NUN TA FATT MAI NU REGAL
U SABAT E A DUMMENEC MAI NA CEN
NUN SIETE ASCIT MAI NZIEM NA VOT
TU GIA SOSPETTAVI
LUI SI RACCONTAVA IN TANTI MODI DI VERSI
NUN DICEV A VERITÁ
Copia testo
  • Guarda il video di "L'avevi Capito"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più