Nu Scugnizziello Napulitane Testo

Testo Nu Scugnizziello Napulitane

Sanremo 2016, i favoriti sono Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
M'arricordo ch'ero piccerillo
e facevo 'o scugnezziello dint'e viche 'e sta città.
Io cu n'ati quatte cumpagniell'
che biscotte 'nt'a cartella ce mettevem'a pazzià.
Quanta vote chillu pizzaiuol' tutto spuorc'
'e pummarole ce faceva arritirà,
e cu cient' lire 'e caramelle for' a chillu vascetiell'
stev'a nonna a m'aspettà.
Nun pazziav co 'o pallone me piacevano 'e canzoni
e chiagnievo si sentev' a Mario Merola 'e cantà.
Nun sbagliavo na parola si cantavo 'O Zappatore
e vulevo mille lire pe me fa sentì 'a papà.
Chi 'o pensava ca stu criatur' mo passann' pe sti quartier'
chella voce meglio d'ajere dint'e radio sente 'e cantà.
E 'a cchiù bella de canzone
nun sa po' scurdà nisciuno
pecchè 'nzieme a Mario Merola
'a cantaie cinc'anne fa.

Comme cagna 'a vita 'e na persona
tre minute 'e na canzone che te fanno addiventà.
Tutt'a gente che m'ha fatto male
sbatte 'e mane in prima fila pecchè l'aggia salutà.
Ce vulesse n'omme cchiù cattivo
ca tenesse 'o stesso core tale e quale a chilli llà,
ma pe fa cuntent'a mamma mia
che sta 'ncielo 'nzieme a Dio saccio pure perdonà.

Nun pazziav co 'o pallone me piacevano 'e canzoni
e chiagnievo si sentev' a Mario Merola 'e cantà.
Nun sbagliavo na parola si cantavo 'O Zappatore
e vulevo mille lire pe me fa sentì 'a papà…
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.