Na Canzona Nova Testo

Testo Na Canzona Nova

Gli album più attesi alla fine dell'estate: da Ligabue a Vasco
Lei col seno ancora
piatto che non alzava la maglietta
con quanta fretta lei s'annammurava 'e mme', e la
gente
vedendoci insieme aveva negli occhi un poco d'ironia,
diventava un disastro totale la nostra sera in pizzeria
come ogni sabato.
Se il pomeriggio non bastava rubava il tempo anche alla scuola,
sempre più in fretta lei crisceva 'mbraccia a mme',
poi ricordo quel giorno suo padre,
le sue cinque dita sopra il viso mio, e fu lì che
per l'ultima volta la persi in un addio, quasi dieci anne fa'.
E sto 'nfunnenno ancora cu chist'uocchie chella storia
vecchia 'e tantu tiempo fa', e senza scuorno pure a chi
nun saccio doppo nu minuto 'a voglio raccuntà,
e dint'e juorne ca cunsum'o tiempo 'a voglio bene
sempe
che ce pozz' fa', comm'a vuless' 'ncuntrà.
Tu nun hai colpa, io sulo aggiu sbagliato
quand' m'ha lassato a me spusà cu tte',
tu me cunusce e po' nun si ignorante
e saje ca mentre canto sto parlann'e me.
Si nun chiagnive forse aret'a porta
nun me n'ero accort' ca ce stive tu,
ma sulamente accussì trovo 'o curaggio 'e t'ho dì,
pure si chesta canzona nova nun te po' piacè.
Tu stai male da morire, sentirai scoppiare il cuore,
ma stavolta ormai è asciuta 'a verità.
Ma fai finte ca nun 'e capito stracciann'
cu ll'uocchie meza vita mia, poi me dice:
che brutta canzon', ma che l'hai scritta a ffa',
tu nun le mai cantà!

Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.