La Quiete Dopo La Tempesta Testo

Testo La Quiete Dopo La Tempesta

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
Vanità economica, priorità e superbia,
ho lasciato scendere sugli affetti polvere.
Mi sono vestito al mercato delle identità,
oggi indosso splendide verità distorte.
Aaaaah... In fondo, vedi, è così semplice,
Aaaaah... balliamo insieme in mezzo al disordine,
Aaaaah... viviamo una vertigine.
Aaaaah...
La quiete vien dopo la tempesta,
è il mare che poi riacquista forma,
la mia imbarcazione al largo,
la mia imbarcazione al largo.
Come mi è successo già, la mia ansia aumenta,
proverò a scommettere, niente più da perdere.
Lucido nella misura di quel tanto che mi basta,
non ho più pallottole per sparare a salve.
Aaaaah... In fondo, vedi, è così semplice,
Aaaaah... balliamo insieme in mezzo al disordine,
Aaaaah... viviamo una vertigine.
Aaaaah...
La quiete vien dopo la tempesta,
è il mare che poi riacquista forma,
la mia imbarcazione al largo,
la lucidità che poi ritorna,
la lucidità che poi ritorna,
la lucidità che poi ritorna.
Immagina un'isola deserta,
un uomo disteso sulla spiaggia,
il sale che brucia sulla faccia,
disegna il suo mondo nella sabbia... nella sabbia.
Aaaaah... La quiete vien dopo la tempesta.
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.