Quante Volte Testo

Testo Quante Volte

Inserito il 19 Maggio 2005
Chiude il Roxy Bar, celebre grazie a Vasco Rossi
Scarica la suoneria di Quante Volte!
Guarda il video di "Quante Volte"

a volte so che troppe volte mancan svolte
a volte vite storte scorrono fino alla morte
senza che nulla cambi
gioie e lutto sono entrambi
facce di monete ma lanciate fra inganni
illusioni palesi mille giorni e notti spesi
davanti a un lume spento dal vento di giorni presi
Come tentativo di guardare un obbiettivo
Ridendo del destino
Restando sempre privo
Di risposte a domande
Interrogativo grande come lacrime versate sotto il cielo da chi piange yo
Quante volte
Ti sei svegliato in preda al panico
Finendo un brutto sogno ma ricominciando l'incubo
Ogni giorno insegui un pallido
Sole che tramonta
Una speranza che ti affonda se ti accorgi che è dissolta
Ogni giorno
Quello che vedi attorno è un inganno
e troppo pochi sono quelli che lo sanno
e troppo pochi sono i giorni
A disposizione inferni
Nei quali non c'è tempo per star fermi
Dovremmo avere più pazienza ed insistenza
Riuscire a viver senza
Questa paura immensa dobbiamo
Puntare a un piano
Guardar lontano
Restare sempre forti in questa strada
io ora bramo a strade che sono lontane
Un obbiettivo
Ma dimmi quante volte qua si avvicina il declino

[rit]
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi sta ancora soffiando in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi soffia in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?

eh yo quante volte
Vedi lacrime in sta strada
Preghi che non accada il peggio
Invece è nadappada
Un fiume in piena non si guada
La vita ora non sfama
L'istinto di conquiste
Di Kentana
che è sveglio in notti buie e tempestose e non comprende
Chi trova forza per guardare dietro a queste tende
Lo vede si siede non crede sian vere le scene
Che ha visto e allora si rialza e guarda fuori bene
é tutto vero non ci crede ancora forse è un incubo
Mordendosi le labbra scopre che il suo dubbio è illecito
Sente il dolore e sconsolato perde forza
S'aggrappa alla sua sedia e sul suo viso una sconvolta
Espressione di sconforto mista a sconcerto
D'ora in poi nulla è più certo
Tutto è deserto
Preda di dubbi lui aprirà la porta e poco dopo
Scenderà le scale a passo lento angosciato dall'eco
Di quei passi che da quel momento non sapranno più distinguere la strada sicura
Ora è in affanno
Quante volte
Ti sei accorto che è un affanno
Quante volte
Tu dimmi quante hai perso il senno
Quanti giorni
Vissuti con destini alterni
Quanti sbattimenti inutili che t'han condotto a inverni
Dove fa freddo e le tue lacrime son come ghiaccio
Quante notti passate in preda la suo impaccio

[rit]
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi sta ancora soffiando in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi soffia in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?

eyo quante volte
Il sole ha tramontato senza
Poter rendere questa vita almeno un po' più intensa
Quante giornate vissute in linea teorica
In verità passate nella condizione solita
Dello stare sul chi vive fra mille giornate prive delle svolte decisive soltanto con rime
Ho tenuto alta la mia testa
Ma quante volte resta ad osservare il fondo
una tempesta ci sconvolge
ogni giorno qua ci avvolge un manto di tristezza messa inoltre ci si
volge alla felicità sapendo che è troppo distante
tu dimmi quante volte aver detto quanto stante
quante volte tu credi che giungano svolte
e quante volte ti rendi conto che son morte
le nostre più grandi ambizioni
azzittite chissa da quanti miei errori quanti miei giorni incolori
e se gli orrori di sto mondo sono insuperabili
tu dimmi quante volte vivo dei giorni difficili
quanti passi dovrò percorrere nel vuoto prima di raggiungere una meta oltre questo ignoto
quante volte dovrò dubitar del domani
quanti giorni mi ritroverò la testa fra le mani
il sole è freddo e ci colpisce all'orizzonte
nella mia testa una sola domanda:
Quante volte?
…quante volte…

[rit]
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi sta ancora soffiando in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi soffia in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?

Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi sta ancora soffiando in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?
Contemplo fermo il mondo all'orizzonte
In un secondo medito
Mentre altro vento gelido mi soffia in fronte
Se resta il buio e nelle stanze del tempo
Dietro a ogni porta tempesta ed in testa una domanda:
Quante volte?

quante volte?ah?
tu dimmi quante volte

Scarica la suoneria di Quante Volte!
Lascia un commento
   

Le Ultime News

Sei appassionato di cucina? Ecco qualche consiglio per te

Links