(Zucca)2 Testo

Testo (Zucca)2

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
niente può tutta la macchina esistente contro il processo che ho innescato, mentre all'ombra del cervello, spuntano brillando bianchi semi piatti / raccolgo ciò che ho seminato mentre cullo con amore il nuovo nato / celebrale tumore mangereccio /ubertoso cucurbito cranico / "il mio amico immaginario è a fusto sdraiato, peloso, cavo, ha foglie grandi e ruvide, e fiori solitari a corolla campanulata,aranciata, frutto di una voluminosa poponide odorosa / niente può il mio unico nemico che è sempre stato qui ad assediarmi con un esercito di cose / cose precisissime / cose insensate, neanchio posso niente/ DISSODO LA NUCA INTERRO LA PIANTA/MI APRO LA ZUCCA E IMPIANTO LA VITA/SENTO LA RADICE DENTRO IL MIO MELONE E NON E' FINITA/LO SENTO IL POPONE MENTRE SI FA SPAZIO/ED E' IL SUO CREPACCIO CHE AVANZA NEL CRANIO/DIRAMA LE FOGLIE COL PIGLIO DEL TARLO/NIENTE PuO' FERMARLO/ SI NUTRE DI ME /Lento e acquoso, allaga il mio buonsenso Spunta di sbieco dalle orbite un virgulto. non mollo l'inutilità.




Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.