Elefante Testo

Testo Elefante

Non è per fare il cinico ma mi disturba il panico
delle tipe che si impastano, il venerdì del popolo.
Lucciole in pozzanghere.
Io qui mi sento un elefante.

Lo so che i tuoi si odiano e che prima o poi si uccidono,
ma i funerali costano, e il tuo naso ha solo debiti.
Polvere sui pesci.
Io qui mi sento un elefante.

E se non conto quanto peso sarà perché non vi somiglio.
Sarà che per uno sciacallo mai nessuno mi ha scambiato.
E se dall'alto della mole mia colpissi con le zanne,
sareste sangue sopra i vetri delle auto, in un istante.

Il buio degli omofobici e il bianco dei cadaveri.
Normale andar di stomaco, con i chiodi dentro il fegato.
Talpe con le ali.
Io qui mi sento un elefante.

E se non conto quanto peso sarà perché non vi somiglio.
Sarà che per uno sciacallo mai nessuno mi ha scambiato.
E se dall'alto della mole mia colpissi con le zanne,
sareste sangue sopra i vetri delle auto, in un istante.

... lucciole in pozzanghere... polvere sui pesci... talpe con le ali... sangue sopra i vetri...

E se non conto quanto peso sarà perché non vi somiglio.
Sarà che per uno sciacallo mai nessuno mi ha scambiato.
E se dall'alto della mole mia colpissi con le zanne,
sareste sangue sopra i vetri delle auto, in un istante.
Copia testo
  • Guarda il video di "Elefante"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più