Fuori Da Qui Testo

Testo Fuori Da Qui

Il suono delle sirene sbatte contro i muri ormai deboli,
e rimbalza, s’innalza, e discende sotto forma di incubo.
Qui non è più posto per noi, i nostri occhi vedono luce anche al buio,
che presagisce un’altra notte senza eroi.

Fuori da qui un uomo grida: “Rifugiatevi!”.
Ogni respiro preso e ridato sarà una voce che non dimentica.
Fuori da qui, l’orrore in prima pagina
di un mondo in una scatola nascosta sotto il letto di chi riesce a dormire.

Sopra le nostre vite in gabbia scoppiano le urla della città,
fame, freddo, miseria, mani sporche di odio e di cenere.
Qui nessuno ha più un’età, tutti siamo uguali nel volto e nel ricordo
del sacrificio di una notte senza eroi.

Fuori da qui un uomo grida: “Rifugiatevi!”.
Ogni respiro preso e ridato sarà una voce che non dimentica.
Fuori da qui, l’orrore in prima pagina
di un mondo in una scatola nascosta sotto il letto di chi riesce a dormire.


Fuori da qui un uomo grida: “Rifugiatevi!”.
Ogni respiro preso e ridato sarà una voce che non dimentica.
Fuori da qui, l’orrore in prima pagina
di un mondo in una scatola nascosta sotto il letto di chi riesce a dormire.
Copia testo
  • Guarda il video di "Fuori Da Qui"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più