La Fabbricante D'angeli Testo

Testo La Fabbricante D'angeli

Dal più profondo buio della notte due occhi vuoti sfuggono le stelle.
La fabbricante d'angeli è già scesa ma incespica coi ferri arrugginiti.
Sul ventre già fiorito di una ingenua ragazzina la luna si ferisce passando i vetri rotti.

E d'improvviso l'aria si raffredda;
sui tetti scuri argenta la rugiada;
più non respira il seno è ormai di pietra
che un dolce inganno un giorno aveva sciolto.
Stanca è ormai la vecchia che si perde nella nebbia
mentre le campane annunciano la festa.
  • Guarda il video di "La Fabbricante D'angeli"
Questo sito utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner o scrollando la pagina ne accetti l'uso.Per info leggi qui