Un Destino Distante Testo

Testo Un Destino Distante

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
Tra fuochi e luci mariachi ubriachi
occhi d'allocchi come i miei occhi fanno la giostra della chitarra, fanno cuccagna di cielo e birra.

E' una canzone qualunque, come un destino distante,
e io soltanto un perdente che ha perso tutto perdendo lei.

Tu taci e cuci il mio cuore di stracci e hai bocca di baci per la mia bocca d'amante abbattuto sotto una sberla di chicana acerba ma già così bella.

Che tu sei una qualunque, come un destino distante e io un dolore viaggiante che non ha strade per tornar da lei.

Chi mi conosce quando divento, chi è mio compare nella tormenta, quando mi appare senza sembianze la Sierra Madre, ferita d'ombra.

Chi mi vuol bene quando ho le tasche gonfie di neve e bucce di niente, quando le stelle una per una spengono il gioco alla fortuna.

E tutto il mondo è qualunque come un destino distante, io guardo in faccia la gente ma la mia vita finì con lei.
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.