E L'era Tardi Testo

Testo E L'era Tardi

(feat. Enzo Jannacci)

E l'era tardi... l'era tardi in quella sera stracca
che m'è venu el bisognn d'onn d'smila franc par quatar 'na tratta...
domandar, mi gh'avei vergogna... domandar, mi su no a chi l'è...
gh'era el Rino, l'è vera! El Rino... soldà insemma int'i bersagliée!
Ma l'era tardi, l'era tardi in quella sera stracca,
e disturbaa la gent, scusa de poch, un laurar che el fiacca!
"La me scusa, sciùra... gh'è el Rino? la ghe disa: gh'è el bersagliée!"
El vien giò d'i scal in camisa... mi sorridi; lu gnanca onn vers!
"Ciao, Rino: scusa, el soo, l'è tardi, ma in questa sera stracca
volevi saludatt; ciamà i bei temp de la guerra vacca!
Quante sere senza morosa, quando andavom a ciapàà i ciùcch!
Si, ma... Rino; gh'è un'altra roba: ...và no via, Rino!... Ciao, Rino... ohé!..."
E me el savevi: l'era tardi per disturbaa la gent
ciapaa, magari, a fà l'amor... la gent che la gh'ha i so impegni...
Si, ma emm faa anca la guerra insemma, sott'ai bomb, contra ai fusilad;
val pussée che on desmila lira in saccoccia desmentegà...
Si, ma emm faa anca la guerra insemma, sott'ai bomb, contra ai fusilad;
val pussée che on desmila lira in saccoccia desmentegà
Copia testo
  • Guarda il video di "E L'era Tardi"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più