Fermo! Testo

Testo Fermo!

J Ax e Fedez tornano con Assenzio
  • Guarda il video di "Fermo!"
Ai confini della realtà tra l'Umbria e le Marche si erge il massiccio del Monte Vettore,il più alto dei monti Sibillini.
Appena sotto la cima di quasi 2500 metri c'è una pozza d'acqua che gli ottimisti chiamano…lago…
E che si trova a cinque ore di cammino dal più vicino luogo abitato.
La leggenda narra che il lago di Pilato porti questo nome perché di Ponzio Pilato ne sarebbe il sepolcro…ma non abbiamo prove storiche a riguardo.
Nel deserto di quei monti impervi si è sviluppata una forma di vita del tutto originale che da molto tempo viene controllata con rigore scientifico applicando un metodo di repressione altrimenti chiamato “tutela”.
Nelle freddissime acque del Lago di Pilato vive dunque un antica razza di gambero il cui l'unico habitat conosciuto è quello specchio gelido e inospitale…
Scoperto durante il secolo scorso il chirocefalo è da allora oggetto di attenta sorveglianza a garanzia non sempre disinteressata della sua sopravvivenza a rischio di estinzione.
Il desiderio del caparbio crostaceo di uscire dal suo lago per combattere il pensiero dominante è infatti una delle forme più originali di resistenza conosciute…un simbolo della lotta per l'autodeterminazione contro un sistema che chiama ambientalismo quella che in realtà è un'imbarazzante difesa degli status quo…
Ogni giorno la “reazione” monta la guardia nel parco dei monti Sibillini,scruta il lago e quando il gambero sedizioso tenta di uscire dalla sua vasca per conquistare il mondo un urlo echeggia dalle rive per tutta la vallata…un urlo contro quelle giuste ambizioni di emancipazione.
Il grido
“FERMO!!!”
…imposto dal forestale marchigiano all'invertebrato in fuga da quell'eterna palude reclama la vendetta di ogni sincero democratico per l'ultima speranza di riscatto ormai rimasta…e troppo lungamente…
…costretta in prigionia…
  • Guarda il video di "Fermo!"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.