Strano Che Non Ci Sei Testo

Testo Strano Che Non Ci Sei

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Strano Che Non Ci Sei"
Ti cerco nelle zone imprecise
dove si vede appena
Dove la voce è debole e si sfila
Ritornano improvvisi gli occhi
Il suono del tuo nome
Qualcosa che fa male
Sono strade che attraverso fino a te
Chissà se mi vedrai
E chiudo gli occhi per avvicinarti
Strano che non ci sei
Strano che non ci sei
E spengo tutto per aspettarti
Strano che non ci sei
Strano che non ci sei
Ti cerco nelle zone imprecise
Nei calcoli sbagliati
Nei giorni sparsi in terra spezzettati
Mi sembra di vederti adesso
con passo nuovo e leggero
e brilli dove tutto è spento
Come un sogno ritornato controvento
mi ritroverai
E scrivo ancora solo per parlarti
E’ strano che non ci sei,
Strano che non ci sei
E chiudo gli occhi e puoi toccarmi
E’ strano che non ci sei,
Strano che non ci sei
Sai, a parlarsi davvero non si riesce
quasi mai,
chissà come si fa
Di quante cose eri parte e centro
e penso che non ci sei,
Se penso che non ci sei…
E’ bello il tempo che è rimasto dentro,
ecco perché ci sei, ecco perchè
  • Guarda il video di "Strano Che Non Ci Sei"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.