Naufragio A Milano Testo

Testo Naufragio A Milano

Sanremo 2016, i favoriti sono Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
Integrazione, parola amara

collacamento… miezz'o'ciemento,

orario fisso e frastuono dint'a capa

Chist'è o'paese e'rraggiuniere

uommene, fimmene, creature

tutti raggiunano a tutte quante l'ore



lo comme puozzo raggiunà

e comme puozzo raggiunà,

si raggiuno l'uocchie chiagne fora milleciento lagreme

i m'aggi'a scurdà o'sole, i m'aggi'a scurdà o' mare e l'acque chiare

i m'aggi'a scurdà l'erba e a'voce antica d'o'silenzio

miezz'o'vico e a'caccavella e o'putipù - E come puozzo raggiunà.



Ah, stu naufragio dint'a Melano senza na varca e pure senza o'mare

e tu me dici «stasera usciamo» e dove?

Vie scanisciute e figure ignote, lampade al neon - Carmela cara,

torniamo a cuccia, oiné, ca nun è cosa -



E zitti senza raggiunà, e commo puozzo raggiunà,

si raggiuono l'uocchie chiagne fora milleciento lagreme,

nun ce resta che l'ammore, nu disperato, antico, eterno ammore,

se smorza a'luce a'branda cigolando int'a nuttata fridda

tutti i mali nosti fa passà… - E comme puozzo raggiunà …

E stu naufragio dint'a Melano

se chiamma un nome: Immigrazione,

immigrazione signiffica terrone -

E poi terrone vuol dire fame

vuol dire suonno vuol dire figli

vuol dire paese volato via vuole dire nustalgia



Eh, comme puozzo raggionà, e comme puozzo raggiunà…
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.