Vienna Testo

Testo Vienna

Donna sul ponte alla porta dell'est:
passa un filo di nuvole sugli occhiali di lei.
Vienna leggera, catturami un'altra volta,
con i miei nodi da sciogliere
fra le mani di lei.
Aria d'argento soffia dall'Ungheria,
come un serpente domestico il Danubio va via.
Vienna pastello, cancellami la frontiera,
con tutti i voli che partono
e ogni treno che va.
Fari di sole fragile, occhi di smalto blu
e il passaporto pesa sempre più.
Giugno dai muri tiepidi dietro le labbra di lei,
mentre mi prende e mi risponde e mi pretende qui.
Donna alle spalle alla porta del sud
ed un riflesso che scivola fra le ciglia di lei.
Vienna sospesa nel sogno di luna nuova:
è una ferita fra gli alberi
l'autostrada che va.
Sorsi di buio limpido bagnano gli occhi miei
ma non so mai fermarmi, come mai?
Vienna di legno e fragole,
resta nel sogno con lei;
c'è un orizzonte troppo presente che mi pretente già.
Vienna per niente,
per andarsene come al solito.
Copia testo
  • Guarda il video di "Vienna"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più