Pompotron Testo

Testo Pompotron

succhio sempre cazzi a più non posso (sì lo so)
pure a papà, a zio, a nonno, a mi' fratello e pirlipòn
non ci posso fare niente é troppo fico ciucciar cazzi
e infilarsi dentro al culo tutto, pure dù palazzi
pompo sempre l' uccellone al lattaio (quer coione)
poi arriva il salumiere e me lo schiaffa nel sedere
ma che fico, ma che bello fare pompe anche a un cammello
non sapete che perdete se nel culo non l' avete
io mi chiamo pompotron e pompo sempre a tutto spian
non so fare altro no... e a voi tutti lo sugherò
la mia vita é questa qua, ciucciare cazzi a volontà
e se per poco non pomperò, allora il culo via darò
a colazione succhio ceppe, a pranzo, merenda e cena pure
tutte belle scappellate, tutte quante belle dure
me le pompo pure a pasqua, a natale e capodanno
lo san tutti che lo ciuccio a tutti quelli che ce l'hanno
ho la fama di gran troia, ma che cosa posso fare
la mia vita che sarebbe senza varre da sugare
e la cappella tumefatta di zio Pippo dove sta?
se non la pompo per un` ora un infarto me verà
(Rit.)
io mi chiamo pompotron e pompo sempre a tutto spian
non so fare altro no e a voi tutti lo mastichero`
la mia vita é questa qua, ciucciare cazzi a volontà
e se un giorno morirò nell' oltretromba chiaverò
Copia testo
  • Guarda il video di "Pompotron"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più