Preda Del Raptus Anale Testo

Testo Preda Del Raptus Anale

Vasco Rossi, il Live Kom ‘016 parte da Lignano Sabbiadoro
mi sento un pò pazzo, mi prendo in mano il cazzo
e mi sparo un bel segone in teràzzo... in teràzzo
affogo dentro al cesso mia sorella poi mi gratto la cappella
e mi mangio un bel panino co' la nutella
mi scaccolo x ore in ascensore poi davanti a due suore
pìo e me gratto li cojoni... e una mòre
m' infilo in culo un palo della luce, il divano il frigo
la lavatrice, un rastrello e pure un tram
anche se... nun se pò fà
sono preda del raptus anale, guarda che cazzo stò a fà
sono preda del raptus anale (x 2)
cago in cucina, in salotto, in soffitta, sotto al letto
e faccio il bagno nel bidé... sei mejo te
piscio dal balcone poi me magno un panettone
e giro nudo per i tetti come 'n cojone... come 'n cojone
piglio a calci in culo mio fratello, impalo nonno col rastrello
e sodomìzzo zio Panéllo... con l' ombrello
bestemmio come un turco in Vaticano
poi scatarro in testa a un nano e te lo metto pure in mano
anche se... nun se pò fà
(Rit.)
urlo x le strade bestemmioni, vaffanculo, porca troia
li mortacci de tu' nonna... de tu' nonna
scureggio nella metropolitana poi me magno 'na banana
e rutto pe' 'na settimana... 'na settimana
squarto in mille pezzi mia cognata (quella strega)
co' ' na bella motosega, tanto poi... chi se ne frega
caco in testa a tutti, papà lo prendo a calci in bocca
e a mammà je spacco er culo cor machete
anche se... nun se pò fà
(Rit.)
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.