Abaeland Testo

Testo Abaeland

Gli album più attesi alla fine dell'estate: da Ligabue a Vasco
Quibusdam quasi saltibus superni patris filius ad terrena venit e superis, spoliatis nunc redit tartaris. Ascendentem ad aethera nubes excepit lucida, ferebatur erectis manibus benedicens suis astantibus. Ascendentem cernentibus ac super hoc mirantibus astiterunt in albis angeli, tam facie quam veste nitidi. Ad terrena venit e superis, spoliatis nunc redit tartaris.




Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.