So' Rugantino Testo

Testo So' Rugantino

One Direction: a marzo 2016 scioglimento temporaneo per dedicarsi a progetti solisti
Sò rugantino, sò, fijo de Roma,
Dai sette colli vedo 'r monno intero,
Si giri pe' le strade d' ogni posto c'è l' aroma,
Chiudi l' occhi e c' arivi cò 'r pensiero…

Sò fijo de Roma sì ma pure de 'sto monno
E me ce rode che a trattallo a pugni in faccia,
E a grattaje pure l' anima da 'r fonno,
Ce sta 'na banda de ladroni e de bojaccia!

E c' è ancora chi me dice: “Che te lamenti a fà,
La rota gira, cammina, c' è 'r progresso,
Le cose vanno bene, devi solo pazientà,
Che nu' lo vedi? Io sto già mejo adesso!”

Però la rota gira, si, e 'r progresso ce sarà,
Ma è regolato sopra 'r tempo dei potenti,
Chi sta bene, se po' pure appennicà,
C' ha fretta chi aregge la vita co' li denti!

“ 'Sto monno è pure zozzo, vabbè, te lo concedo,
Ma mica se po' vede tutto nero!
Mò che voresti fà? Io so' curioso e te lo chiedo,
'Na rivoluzzione e se levàmo 'sto pensiero?”

Me piacerebbe sì, ma è mejo lascià stà,
Che la violenza è proprio 'na bestiaccia,
Parecchie cose, sì, devono cambià,
Ma si la usi, poi t' aritorna 'n faccia!


Sò rugantino, spiritaccio fumantino,
Abbituato a raggionare co' la panza,
Si quarcosa nu' me va me s' arintorce l' intestino
E come 'n prospero m' appiccio de ruganza!

Sò rugantino sì e so' de còre
E certe cose io te le dico 'n faccia,
Si sei 'n politico, 'na guardia o 'n gran dottore,
So' na linguaccia p' er pezzente o p' er signore!

Combatte 'sto sistema, c' è chi dice: “Nun conviene,
Fatte furbo e cerca 'r mejo compromesso!”
Ma si la scelta è tra grosse o piccole catene,
Gira e gira, me sento sempre 'n fesso!

Perchè 'r progresso gira e gira sempre più de fretta
E nun se trova manco er becco d' un salario,
Si nu' riesci a staje dietro, quello còre e nun t' aspetta,
Nu' rimane ch' affidasse a San Precario!

Quanno sentenziano i politici o 'r custode de San Pietro
E ce propinano divieti e soluzioni…
Si abboccàmo invece che avanti, aritornàmo indietro,
Ar moderno medioevo dei cojoni!

E su in cima a 'sto scalone der potere e della gloria
Ce so' quelli che pe' l' oro o pe' 'r Signore,
Ce fanno vive ner terore della fine della storia,
E io m' encazzo, e me c' avveleno er còre!

So' rugantìno sì e so' pure avvelenato,
Ce l' ho co 'r monno cominciando da me stesso,
Proseguenno poi co' quelli che m' hanno cojonato
E a bucie me c' hanno fatto fesso!

Sò rugantìno sì e so' pure 'n cacacazzo,
Ma si so' stronzo, so' stronzo con amore,
Quanno me pija 'r veleno paro 'n pazzo,
Ma poi me passa e me s' arischiude er còre!

Sò rugantino, arugantino-o…