Pristina Testo

Testo Pristina

Siamo nati quasi morti di freddo e di paura
siamo nati sulla schiena di una piccola pianura
noi davanti allo specchio sembravamo dei fratelli
stessi occhi stessa vita stessa luce tra i capelli

Poi un mattino d'inverno il vento dei Balcani
soffiò più forte e il mare ribollì di pescecani
ci spensero le stelle e stuprarono la terra
gli uomini annegarono dentro al piscio della guerra.
E corremmo via braccati dalle mani del dolore
e corremmo fino all'alba e nella fuga io persi il cuore

E' così labile il limite dentro me
è così fragile lo specchio che riflette le storie degli uomini
che a volte esplode aprendomi tagli che sembrano confini
tra sogno e realtà... tra sogno e realtà...

Ci siamo persi nella notte a due passi dalla vetta
ti ho lasciato che ballavi mentre ti tenevi stretta
ti ho guardata tra le foglie sotto i raggi della luna
ti ho sentita che piangevi e pregavi la fortuna

Ho lanciato una moneta per chiedere alla sorte
quale fosse la più giusta tra tutte le mie porte
ma tanto era il rumore dell'orchestra e del suo tango
la moneta prese vento e cadde giù nel fango
E corsi via braccato dalle mani del dolore
e corsi fino all'alba e nella fuga io persi il cuore

E' così labile il limite dentro me
è così fragile lo specchio che riflette le storie degli uomini
che a volte esplode aprendomi tagli che sembrano confini
tra sogno e realtà... tra sogno e realtà...
  • Guarda il video di "Pristina"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più