Vancello A Dicere Testo

Testo Vancello A Dicere

Sanremo 2016, i favoriti sono Deborah Iurato e Giovanni Caccamo
Dint'a stanza toja tu staje chiagnenne
Stringi il tuo cuscino e pensi a lui
Nu sta cchiu cu tte ormai è n'ann già
Ma tu tien 'astipate tutt'e letter
Mammet ca te sta semb 'nguoll
Controlla sempre il tuo telefonino
Rice nun l'e a verè cchiù
Ma tu nunn'o vvuò sapè
Pecchè o'vuò bene ancor'a stu guaglione e miezz'a via

RIT.:
Vancello a dicere ca ce tien ancor e ca nunn'o vuò perder
Ca pe tte putess ascì pur rummeneca
Pecchè nun'z cumann o core quand è 'nnammurat già
Ma nunn'è facile quand mammet t'allucc e se preoccup
Pecchè rint'a sti cos c'è passat primm'e te
Nnammurat comm'a tte e nu guaglione e miezza a via
Ca mo nun'ce sta cchiù

E te staje guardann rind'o specchio
Pensi a le parole di tua madre
Chill no nun fa pe'tte è uguale al tuo papà
Ma tu ce tien ancor pe stu guaglion e miezz a via

RIT.:
Vancello a dicere ca ce tien ancor e ca nunn'o vuò perder
Ca pe tte putess ascì pur rummeneca
Pecchè nun'z cumann o core quand è 'nnammurat già
Ma nunn'è facile quand mammet t'allucc e se preoccup
Pecchè rint'a sti cos c'è passat primm'e te
Nnammurat comm'a tte e nu guaglione e miezza a via
Ca mo nun'ce sta cchiù

Ma nunn'è facile quand mammet t'allucc e se preoccup
Pecchè rint'a sti cos c'è passat primm'e te
Nnammurat comm'a tte e nu guaglione e miezza a via
Ca mo nun'ce sta cchiù… ca mo nun'ce sta cchiù… ca mo nun'ce sta cchiù…
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.