Roma Malata Testo

Testo Roma Malata

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Roma Malata"
Cara vecchia città,
fumo disagio immobilità,
cadente e moribonda città, Addio. Addio!
Culla della civiltà,
comprata e venduta nel nome di Dio.
Sconfitta in ginocchio sei li, muta, sei li.
Roma, insonnolita,
Roma ferita,
Roma spaccata,
distante dalla vita…
Indebolita. farneticante.
Inconcludente si,
più nuda di cosi,
Contesa dagli Dei
tradita dai farisei.
Roma che non mi vuoi,
che ormai non m'incanti più.
Silenzio ed anacronismo,
tu capitale di un nuovo cinismo.
Lenta e dolorosa agonia. La tua , è follia.
Hai smesso di declamare,
di essere schietta, struggente e volgare.
Roma futura e lontana…E chi t'ama, ora trema.
Roma fuori di scena,
che più non chiama.
Un'altra Roma,
più schiava che padrona,
la Roma dei ministeri,
dei misteri.
Brutte compagnie, traffici, angherie.
Non ti ho vista più,
davvero non sei più tu…
Roma che scappi via,
da questa gente tua…
non puoi morire.
Roma, Roma, Roma
  • Guarda il video di "Roma Malata"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.