Famme Vedè Testo

Testo Famme Vedè

Sto a quatto passe
e me ne torno a ppede,
'o ppoc"e vino m'a 'mbriacat"o core
voglio piglià 'nu poco 'e aria 'e mare,
pare Natale e 'mmece é primavera.

Quanno se perde 'o scuorno
e parle sulo
overamente se n'é juto
'a 'mmore,
attuorno tutte cose
é tale e quale
dimane pare 'n'atuo juorno
pare ajere.
Ce vulisse tu
sulamente tu
'nzieme 'e pparole
ca c'anna fatto 'nnammurà.

Famme vedé
'n'ata vota 'na stella cadé.
Famme sunnà
ca 'a stu suonno
me pozzo scetà.
Nuje ce putimmo appiccecà
ma senza ce lassà,
puorteme cu tte
addò t'annamure 'e me.

Ce vulisse tu
sulamente tu
'nzieme 'e pparole
ca c'anna fatto 'nnammurà.

Famme vedé
'n'ata vota 'na stella cadé.
Famme sunnà
ca 'a stu suonno
me pozzo scetà.
Nuje ce putimmo appiccecà
ma senza ce lassà,
puorteme cu tte
addò t'annamure 'e me.
Copia testo
  • Guarda il video di "Famme Vedè"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più