Canzone Dell'Archivista Testo

Testo Canzone Dell'Archivista

Ar porto vecchio ggià ss’è ffatto bbuio,
a sta’ qqui ddentro ce divento matto,
parlo da solo pe’ famme coraggio,
più scavo a ffondo e più esce fori er marcio.
Che ccerte vorte è mmejjo stasse zzitti
e confidasse solo co’ll’inzetti.
Io nun zò er tipo che ppò ddà cconzigli,
ma stade attenti a vvoi e a li vostri figli…
Nun fadeli studià, nun fadeli penzà,
sarà una vita de ggiojja e ffelicidà.
Nell’ignoranzidà lasciadeli sguazzà,
fàdejje ’sto regalo de ggiojja e sserenidà.
So’ ssolo un zervidore dello Stado,
m’hanno spedido a ffà quest’inventario,
ma fra ’ste carte come in un pagliajjo
poi capita che l’ago io lo drovo.
Ma è mmejjo nun zapé, no, nun t’andà a impiccià,
perché ’sta storia qqua è troppo granne pe’ tte.
Ma è mmejjio nun zapé, ma chi te lo fa ffà,
ma io ’sta storia qqua la vojjo raccontà.
Copia testo
  • Guarda il video di "Canzone Dell'Archivista"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più