Stagno Testo

Testo Stagno

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Stagno"
Resto fermo e nascosto
Nell'apnea di un fondale.

Nella cuora del tempo
Che continua a scadere
Sulla pelle ammaccata
Il mio regalo per te.

Non vedo più nessun male che mi possa ferire
Almeno per stanotte non c'è nessun dolore.

Lo stagno pronto a specchiarmi
E' un abisso per me
Che ricambia lo sguardo
Che mi parla di te.

Non vedo più nessun male che mi possa ferire
Almeno per stanotte non c'è nessun dolore.

Almeno per stanotte non c'è nessun dolore.
Almeno per stanotte non c'è nessun dolore.

Non vedo più nessun male che mi possa ferire
Almeno per stanotte non c'è nessun dolore.
  • Guarda il video di "Stagno"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.