Ultima Età Testo

Testo Ultima Età

Fabio Rovazzi: arriva l’accusa di plagio
  • Guarda il video di "Ultima Età"
Sipario atteso da un manto di sera
Che cadenze inermi doni alla mia età
Un feretro nato a distanza di offesa
Spandi nel ventre di questa città

Tempo che stritoli cuori affamati
Lungo preghiere scolpite a metà
Cogli il lamento di giorni mai nati
In un ultimo gesto di umana pietà

Vecchio che scacci via stralci d'onore
E rantoli attorno ad un'ultima età
Serba i ritalgi di un tempo del cuore
Nati in un lutto di offesa pietà

Mano che inchiodi a rimorso e paura
I semi di un sol che ancor forza non ha
Ad un tempo armato di umana premura
Invoco il ricordo di un'ultima età

Saziati libertà senza ritorno
E veglia sui cauti in odor d'onestà
Sola a rincorrere un redento giorno
Qui nel caldo inizio di un'ultima età
  • Guarda il video di "Ultima Età"
Questo sito web utilizza cookie di profilazione di terze parti per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze e per migliorare la tua esperienza. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina o cliccando qualunque elemento sottostante acconsenti all'uso dei cookie.