Voglia 'e Turnà Testo

Testo Voglia 'e Turnà

Jovanotti e Ramazzotti a Napoli: omaggio a Pino Daniele
Voglia 'e turnà

e voglia 'e verè

comme 'o tiempo po' arrubbà

tutte e culure int'a via.

E giro p'a città

e vago a cercà

uocchie comme aulive nere

che guardano senza parlà.

Terra che nun vò durmì

e nun vò cagnare,

terra addò abbruciano 'e parole,

viento che nun e po' stutà.

Voglia 'e turnà

dint'e vicoli e sta città,

guarda e ride e te vò tuccà,

nun se ferma mai,

voglia 'e verè

notte e juorno te fa cantà,

chest'è Napule do cafè,

nun te può sbaglià.

E che sarà

che nun vò fernì,

comme a na malincunia

a voce me fa tremmà.

Forte se fa sentì

e doce accussì

pe chi vene e vò truvà

na scusa pecchè vò restà,

e mo chi o ssape cumm'è

ma io nun me scordo mai

sole che abbrucia 'o malamente,

acqua che scende pè lavà.

Voglia 'e turnà

dint'e vicoli e sta città,

guarda e ride e te vò tuccà

nun se ferma mai,

voglia 'e verè

notte e juorno te fa cantà

chest'è Napule do cafè

nun te può sbaglià