Sabato Testo

Testo Sabato

Il sabato ha inizio con il sacro ritrovo e come sempre problemi per partire
C'è chi si è incatenato e incagliato nel suo trono e c'è chi ancora si deve svegliare
Dopo il solito ritardo valida partenza: «Dove si va? A Verona od a Vicenza?»
Fuori le lattine, iniziamo a cantare, è prossima l'uscita, stiamo per arrivare!

Ci siamo persi anche con le indicazioni, ma ecco il posto ed i soliti testoni
Dopo cento saluti, come per miraggio, vedo un bancone e lo prendo in ostaggio,
Ma guarda lì che figa, guardare e non toccare, pensa alla tua bionda ed inizia a pogare
E anche a 'sto concerto ci siamo sciagurati, un altro sabato tra camerati!

Ma che ti credi davvero sia finita? Appena ora comincia la figata
Tutti a petto nudo, voglio tornare bambino, timbra il biglietto che parte il trenino
E vieni qui a passare con noi le tue vacanze: Sata DJ e si aprono le danze
La luce mi risveglia dal sogno e la poesia, il sole illumina la strada: accendi l'auto e via!
Copia testo
  • Guarda il video di "Sabato"
Questo sito web utilizza cookies di profilazione di terze parti per migliorare la tua navigazione. Chiudendo questo banner, scrollando la pagina acconsenti all'uso dei cookie.leggi di più